Accusato di aver ucciso sorella e nipote, fermato 75enne

Paolo Villa, 75enne di Ornago è stato fermato, è sospettato del duplice omicidio della sorella 85enne Amalia Villa e della nipote di 55 anni Marinella Ronco, trovate morte nell’appartamento di via Santuario ad Ornago  dove vivevano con l’uomo.

I carabinieri di Vimercate e del Nucleo Investigativo di Monza hanno raccolto – come spiega l’Ansa – elementi sufficienti per far scattare il fermo. Ricoverato in ospedale in seguito a un malore, piantonato, Paolo Villa, 75 anni, non avrebbe dato alcun tipo di spiegazione sull’accaduto. Probabilmente gli inquirenti lo sentiranno nelle prossime ore.

Il 75enne si è sentito male al bar sabato pomeriggio, a una ventina di metri dall’abitazione che divideva con le vittime, dopo aver bevuto alcol, come pare negli ultimi tempi facesse spesso. Le indagini sono ancora in corso per accertare la dinamica e il movente del duplice delitto.

Al momento – è spiegato ancora sull’Ansa – nessuna arma è stata trovata in casa. Gli accertamenti degli specialisti dei carabinieri si sono concentrati per ore vicino ad un calorifero dell’abitazione, accanto al quale sono state trovate tracce di sangue, poi ripulite.
Sono stati trovati in lavatrice, ancora sporchi, i vestiti, maschili e femminili, usati per ripulire l’appartamento di Ornago dal sangue.

Commenti

commenti